Tu sei qui: Home Didattica Scienza dei Materiali FAQ

Domande frequenti

È necessario sostenere un test di ingresso per essere ammessi a Scienza dei Materiali?
Sì. L'ammissione è a numero chiuso o programmato e prevede una prova di ammissione.

La frequenza ai corsi è obbligatoria? E quante ore di lezioni ci sono al giorno?
Non è obbligatoria (anche se è fortemente raccomandata) la frequenza alle lezioni in aula e alle esercitazioni. È invece obbligatoria (come in tutti i corsi di laurea scientifici) la frequenza ai laboratori didattici. Al primo anno le ore di lezione sono una trentina alla settimana.

Quali conoscenze sono necessarie per iscriversi a Scienza dei Materiali?
Non vi sono richieste di conoscenze pregresse particolari. Fisica e chimica vengono insegnate a partire da zero, mentre è richiesta una conoscenza di base di matematica (algebra, e trigonometria). La Scuola di Scienze organizza nel mese di settembre un corso (libero e gratuito) di "azzeramento" in matematica per chiunque volesse ripassare la materia o integrare le proprie conoscenze. Per le date e gli orari consultare la pagina web della Scuola (www.scienze.unimib.it)

Con quali compiti un/una laureato/a in Scienza dei Materiali può inserirsi nell'attività produttiva (o di R&D) qui in Italia?
La richiesta di esperti nella preparazione, modificazione e caratterizzazione di materiali è estremamente estesa, e spazia dal settore delle materie plastiche alla microelettronica, dai materiali per l'energetica alla metallurgia e alle telecomunicazioni, per citarne solo alcuni. Il/la laureato/a (e il dottore) in Scienza dei Materiali contribuiscono alla crescita di questi settori sia nello sviluppo di nuovi materiali sia nell'intero processo di produzione, dalla gestione d'impianto al controllo di qualità. Senza ovviamente dimenticare le possibilità di lavoro come libero/a professionista (certificazione, consulenza, etc.) e le potenzialità imprenditoriali.

Quali sono le possibilità di lavoro all'estero per un dottore in Scienza dei Materiali?
Ottime e ampiamente documentate. I nostri dottori si sono inseriti con ottimo profitto nei migliori laboratori europei e statunitensi, dove le loro competenze e la loro flessibilità mentale sono state largamente apprezzate.

I'm a foreigner. May I register as a Materials Science student?
As a European citizen, you're obviously welcome to register under the same terms and conditions of an Italian student. If you come from outside the European Communities please check with your local Italian Embassy for the possibility of getting an appropriate visa, then please get in touch with us.

Scienza dei Materiali mi sembra un corso di laurea interessante, ma le mie conoscenze di fisica e di chimica sono scarse. Devo rinunciare?
Niente affatto. Ti insegneremo fisica e chimica da zero, senza presupporre conoscenze pregresse. Tutto ciò che conta è la voglia di studiare e l'entusiasmo.

Vengo da una scuola media superiore dove si è studiata poca matematica. Devo rassegnarmi ad iscrivermi (controvoglia) ad una facoltà umanistica?
Non necessariamente. La matematica che ti occorre sapere per iscriverti a Scienza dei Materiali è una matematica di base (calcolo algebrico e trigonometria) e puoi recuperarla con i corsi di "azzeramento" in matematica organizzati dalla Scuola. Per le date e gli orari consulta la pagina web della Scuola di Scienze. Il resto della matematica te la insegneremo noi.

Sono indeciso/a tra Scienza dei Materiali, Fisica e Chimica. Cosa dovrei scegliere e perché?
Sono tre ottimi corsi di laurea, e certamente non ti sconsiglieremo né Fisica né Chimica. Scienza dei Materiali è il tuo corso di laurea se ti interessa lo stato solido e ti affascina l'idea di un percorso interdisciplinare, che ti consentirà di avere sia la capacità di comprendere a fondo come e perché la materia si comporti in un certo modo - e come sia possibile fare in modo di alterarne il comportamento - sia gli strumenti per preparare e modificare realmente un solido secondo le tue esigenze.

Mi piacciono molto fisica e matematica, ma non ho mai capito nulla di chimica. Questo mi fa pensare che Scienza dei Materiali non vada bene per me.
E ti sbagli. Chi ti scrive è un professore di chimica, che ha studiato chimica all'Università nonostante la chimica che aveva imparato al Liceo. I programmi ministeriali di chimica sono oggettivamente antiquati, e comprimono la chimica dei Licei in un anno, rendendola difficilissima da capire e impossibile da amare. La chimica è un'altra cosa, molto più razionale (e quindi facile) di quanto puoi credere, e non è dunque il caso di temerla.

Sono in possesso di un Diploma Universitario in Scienza dei Materiali. Posso iscrivermi alla Laurea Magistrale in Scienza dei Materiali?

Come per tutti i titoli di studio pre-riforma, è prima necessario convertire il titolo stesso. Devi pertanto richiedere l'iscrizione al terzo anno della laurea di primo livello, integrando il Diploma con i crediti non in tuo possesso.

Sono in possesso della Laurea di Primo Livello in Scienza dei Materiali conseguita in una sede diversa da Milano Bicocca. Posso iscrivermi alla Laurea Magistrale in Scienza dei Materiali?
Tutti coloro che sono in possesso di una Laurea triennale della Scuola di Scienze possono fare richiesta di valutazione della carriera ai fini dell'immatricolazione alla laurea magistrale, indicativamente nei mesi di luglio e agosto. Acquisita la valutazione positiva possono procedere all'immatricolazione.

In Italia l'industria è in crisi, la ricerca è ai minimi europei e i miei amici dicono che si fanno più soldi giocando in borsa che sgobbando in laboratorio. Chi me lo fa fare di studiare una materia scientifica?
Cambia amicizie. Chi ha pensato di fare soldi facili ha sempre fatto poca strada, e in nessun paese al mondo si costruisce ricchezza scambiandosi pezzetti di carta. Ricordati che l'Italia è il quinto paese più industrializzato al mondo, con una forte presenza di industrie operanti nel settore tecnologico. La Lombardia, poi, è la regione italiana con la più alta densità di aziende hi-tech (facciamo dei nomi? Pirelli, STMicroelectronics, Montedison, ENI, Dalmine, Siemens, ABB) e un enorme numero di medie e piccole aziende che operano nel settore dei materiali. La Regione Lombardia è inoltre l'ente locale più attivo nel supporto alla ricerca nel campo dei materiali. C'è di vero che per scegliere di fare lo scienziato bisogna ragionare come uno scienziato, e cioè guardare ai fatti e non alle chiacchiere.

Di questi tempi tutti i corsi di laurea promettono mari e monti agli studenti che si immatricolano, e poi le cose stanno spesso in maniera assai diversa da come viene raccontato. Perché dovrei credere a voi?
Non ti chiediamo affatto di crederci, ma di verificare i fatti e i numeri. L'inserimento lavorativo dei nostri ex-studenti è rapido e professionalmente soddisfacente. Il rapporto numerico studenti/docenti è inferiore a 4 a 1 (neppure ad Oxford...) e la qualità della docenza è certificata dal Nucleo di Valutazione Universitario. Ma la cosa più facile da fare è di chiedere a chi già studia da noi. E poi decidi da solo.

Ho una domanda cui non trovo risposta qui. A chi posso rivolgermi?
Scrivi allo Sportello Studenti con fiducia: noi rispondiamo sempre, a tutti. Anche in questo siamo un po' diversi dagli altri.